CONIGLIO ALL’ ISCHITANA

67939772_1283204418503870_8899917933828898816_o

Facciamo un salto in Campania e andiamo a  preparare un classico della cucina napoletana e più precisamente dell’ isola di Ischia. La caratteristica principale di questa ricetta è il modo in cui viene allevato il coniglio. Infatti a differenza degli allevamenti tradizionali in questo caso viene allevato in una grande fossa scavata dove è libero di muoversi e di scavare . In queste grandi buche chiamate appunto fosse ischitane l’ animale è nettamente a suo agio e quindi anche la qualità delle sue carni sarà sicuramente migliore. Il coniglio di fossa devo dire sinceramente che non è facile trovarlo niente vi vieta però di usare un normale coniglio. Questa semplicissima preparazione renderà questo piatto eccezionale .

Ingredienti per 4 persone

  • 1 coniglio di fossa di circa 1,2 kg tagliato a pezzi
  • 300 gr di pomodorini del pennolo o datterini
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cipolla bianca
  • 1 peperoncino
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 rametto di timo ( con il coniglio sempre il timo )
  • 1 rametto di maggiorana
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • Brodo di carne qb
  • Olio evo qb
  • Sale, pepe qb


Tritate la cipolla e fatela appassire in un ampia casseruola con 3 cucchiai di olio evo e gli spicchi d’aglio in camicia schiacciati. Aggiungete i pezzi di coniglio e fateli rosolare a fuoco alto fino a doratura. Profumate con il peperoncino tritato , bagnate con il vino bianco e fate sfumare. Aggiungete i pomodorini tagliati a spicchi, salate , pepate, incoperchiate e fate cuocere per circa 1 ora a fuoco dolce o comunque fino a che la carne non si sarà staccata dalle ossa . Bagnate leggermente con del brodo di carne caldo se il fondo di cottura si dovesse asciugare troppo.
Dieci minuti prima del termine della cottura aggiungete le erbe aromatiche sfogliate. Impiattate e servite subito.
Se volete fare bella figura cuocete il coniglio in un tegame di coccio e servitelo direttamente nel tegame di coccio in tavola.

Questa voce è stata pubblicata in Secondi di Terra. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>