CODA ALLA VACCINARA

61908702_1230634957094150_7528957578307436544_o

Cucina regionale e di quella storica , povera leggermente rivisitata ma comunque fedele ai sapori di una volta . Questa volta andiamo nel Lazio per preparare un must : La coda alla Vaccinara .

Ingredienti per 6 -8 persone

  • 1, 800 gr di coda di manzo già a pezzi
  • 1 guancia di manzo tagliata a tocchetti
  • 1,2 kg di pomodori
  • 50 gr di strutto
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 cucchiaio di uvetta
  • 1 cucchiaino colmo di cacao amaro


PER IL BATTUTO

  • 1 cipolla grande
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo tritato


Scottate la coda per circa 45 minuti in una pentola con abbondante acqua in ebollizione salata .
Nel frattempo preparato un trito non troppo grossolano con gli ingredienti per il battuto. Tenete da parte .
Una volta passato il tempo di scottatura della coda , scolatela e tenetela da parte .
Prendete un ampio tegame , meglio se di coccio altrimenti usate un tegame dal fondo pesante . In questo tegame mettete lo strutto e l’olio evo e fateci rosolare dolcemente il battuto.
Quando comincerà a prendere colore aggiungete la guancia e la coda e proseguite ancora dolcemente con la rosolatura girando spesso i pezzi di carne fino a quando non avranno preso un po’ di colore .
Bagnate con il vino e fatelo sfumare lentamente . Salate , pepate e aggiungete i pomodori pelati sminuzzati.
Incoperchiate e cuocete a fuoco dolce per 3 ore circa. Durante questo tempo controllate e girate i pezzi di carne e se il fondo asciugasse troppo aggiungete un pochino di acqua calda.
(Sinceramente l’ ho preparata diverse volte e di liquido in cottura ce ne è in abbondanza ).

Fate ammollare l’uvetta in acqua tiepida , sgocciolatela e unitela a fine cottura della coda insieme ai pinoli.
Aggiungete anche il cacao amaro e fatelo sciogliere nel sugo . Fate andare ancora per circa 10 minuti e togliete il tegame dal fuoco, fate riposare per 5 minuti e servite .
Se avete cotto la coda nel tegame di coccio servitela in tavola direttamente nel tegame farà un grande effetto scenografico

Questa voce è stata pubblicata in Secondi di Terra. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>